Studio

Profilo / Filosofia

Benedetto Camerana (Torino, 1963), architetto (Politecnico di Torino, 1990; OAT; SIAT), paesaggista (AIAPP/EFLA), PhD in Storia dell’Architettura e dell’Urbanistica (Politecnico di Torino, 1993), dopo gli studi ha proseguito la ricerca teorica lavorando sull’integrazione tra architettura e paesaggio, nella direzione di una “green architecture” di chiara matrice ambientale, con l’utilizzo anche sperimentale di tecnologie innovative e sistemi naturali di risparmio di energia.
Di questi temi ha pubblicamente discusso su Il Giornale dell’Architettura, La Stampa, l’Arca, Ottagono, Il Giornale dell’Arte, e più sistematicamente come Direttore della riviste “Eden. L’architettura nel paesaggio” dal 1993 al 1997 e “Architettura del Paesaggio” dal 2001 al 2005, e infine molti interventi in workshop, conferenze, fino all’invito come relatore al XXIII UIA World Congress of Architecture 2008. Dal 1991 al 1996 è consulente architettonico per Fiatengineering, con la quale collabora allo sviluppo di molti progetti di architettura industriale e dello spazio del lavoro. Dal 1996 al 2005 è membro del Consiglio di amministrazione di Palazzo Grassi a Venezia. Dal 1998 al 2000 studia la corporate image attraverso l’architettura per Fiat SpA. Dal 1999 è membro del Comitato Scientifico dello IED – Istituto Europeo di Design, con sedi a Torino e Milano, dove dal 2000 è coordinatore del Master in Exhibit Design. Dal 2010 al 2011 è professore a contratto del laboratorio di progettazione architettonica presso il Politecnico di Torino. Dal gennaio 2012 è Presidente del Museo Nazionale dell’Automobile, dal marzo 2013 Presidente del consorzio Lingotto a Torino, dal marzo 2015 membro del Metaphisical Club della Domus Academy a Milano.


Nel 1997 avvia a Torino Camerana&Partners, organizzazione professionale alla quale collaborano architetti italiani ed europei. Il lavoro di Camerana&Partners si è sviluppato in vent’anni di crescente affermazione attraverso i concorsi nel disegno urbano, nel paesaggio e nelle grandi opere di architettura pubblica e privata, in particolare nei settori residenziale, uffici, commerciale, dello spettacolo e delle infrastrutture. La ricerca progettuale è diretta all’innovazione tecnica e formale attraverso la costante attuazione di un concreto impegno ambientale, con l’utilizzo anche sperimentale di tecnologie innovative e sistemi naturali di risparmio di energia, e l’integrazione di essi e dell’elemento naturale nel progetto. Nel 2002 è fondatore di BonD, società specializzata nella progettazione e realizzazione di spazi per la comunicazione, con la quale progetta e realizza spazi commerciali ed eventi fino al 2008 per clienti come Ferrari, Fiat, Rinascente.

Progetti

Tra le opere principali la Tecnocity Environment Park di Torino (1997-1999), il Bicocca Village a Milano (1998-2004), il centro commerciale Auchan a Cuneo (2001-2004), il Villaggio Olimpico per i XX Giochi Olimpici Invernali Torino 2006, premiato con la Medaglia d’Oro dell’architettura Italiana, la ristrutturazione dell’Auditorium RAI di Carlo Mollino (Torino, 2000-2006), la nuova sede Amiat a Torino (2005-2007), il restauro critico del residence Du Parc a Torino (2006-2007), la riqualificazione del centro storico di Trino Vercellese (2004-2008), l’Urban Center a Rivarolo Canavese (2005-2008), l’Incubatore di imprese Parco Torricelli a Faenza (2005-2009), la Città della Salute di Novara (progetto preliminare, 2009-2011), la scuola Piazza dei Mestieri 2 a Torino (2011), il recupero del palazzo Doria De Fornari (Genova, 2006-2012), il piano urbanistico dell’area Novello a Cesena (2008-2012), il Campus Einaudi di Torino (2006-2012), la Chiesa Maria Madre dei Giovani nell’Arsenale della Pace (Torino, 2007-2012), il Juventus Museum all’interno del Juventus Stadium di Torino (2010-2012), il completo ridisegno del Museo Alfa Romeo di Arese con il nuovo allestimento (2014-2015), Camera – Centro Italiano per la Fotografia di Torino (2014-2015), il ridisegno dell’allestimento del Petersen Museum di Los Angeles (consulenza architettonica e artistica con The Scenic Route, dicembre 2015), la nuova sede dell’Automobile Club di Torino (2014-2016), il nuovo ospedale unico del Verbano-Cusio-Ossola (progetto preliminare approvato, 2018), il ridisegno del Museo Ferrari di Maranello (2018) e lo Student Residence di Piazza Guala a Torino per Unipol Sai (2019). A questi si aggiungono diversi concorsi internazionali come quelli per il Masterplan Service Center e Museo a Shenzhen (progetto premiato, 2018) e quello per la progettazione di Lai’An City (progetto premiato, Nanjing 2018). Infine, Camerana ha firmato molti allestimenti per Alfa Romeo, Maserati, Ferrari e per il Museo Archeologico di Torino.


Tra i progetti in corso, il Waterfront di Messina (concorso per il Masterplan dell’area Stazione Marittima S. Cecilia vinto nel 2012 con FM Ingegneria e Ufo, Piano Particolareggiato in adozione), il complesso commerciale con residenza universitaria nell’area TNE a Mirafiori (Torino, 2009-2021, progetto preliminare), una residenza privata a Barbania (Torino 2018-2021), la riqualificazione dell’area De Agostini (Novara, 2017-2021, progetto di fattibilità e variante urbanistica), la riqualificazione del palazzo Maria Vittoria (Torino 2017-2021, realizzazione in corso), i centri sportivi Go-Fit Lido (Milano, 2019-2021, Progetto preliminare e definitivo per concessione) e Mercato dei Fiori (Torino, 2019-2021, Progetto preliminare, definitivo, esecutivo), lo Space Center/Museo dello Spazio (Torino, 2018-2021, studio di fattibilità), il Centro Espositivo e Centro Stile Stone Island (Milano, 2019-2021, Progetto preliminare, autorizzativo, esecutivo, esecuzione in avvio), il Parco pubblico pensile sul Lingotto (Torino, 2020-2021, progetto, esecuzione in avvio) e il Masterplan per le ATP Finals (Torino, 2021-2025).