Museo dell’Automobile

Un percorso espositivo sviluppato a un nastro e superfici metalliche cangianti per comunicare il mondo dell’automobile attraverso l’architettura, mantenendo l’idea generatrice di Amedeo Albertini del 1960. Il progetto di Camerana unisce in un continuum il nuovo e l’esistente con un passaggio coperto che attraversa la corte e conduce in un atrio passante a tutt’altezza, punto di avvio di una rampa che, richiamando quella del Lingotto, crea un nuovo percorso inglobando lo scalone ellittico. Una cupola bird-cage, anch’essa ispirata al mondo delle automobili, copre lo spazio centrale vuoto del nuovo volume, in cui si muovono gli ascensori per il trasporto dei visitatori al terzo piano, punto di partenza della visita che si svolge percorrendo in discesa la rampa fino al piano terreno. Avvolge il nuovo edificio una pelle di acciaio inox micropallinato che riflette luci e colori esterni e richiama le superfici delle carrozzerie. Lo stesso materiale, ma con trattamento a microperforazione, protegge dall’irraggiamento solare diurno gli spazi di rappresentanza del volume a sbalzo dell’ultimo piano, che di notte, illuminato dall’interno, appare esternamente come una scatola luminosa.

credit

Progetto: Benedetto Camerana (mandatario)
Localizzazione: Torino, c.so Unità d’Italia
Realizzazione: Non eseguita
Committenza: Comune di Torino
Procedura: Concorso internazionale di progettazione, progetto quarto Classificato
Consulenti: Hugh Dutton Associés sarl, Hermann Kohllöffel, AI Engineering s.r.l., Giuseppe Amaro, Teknema Progetti s.r.l., Andrea Tonin (mandanti)
Funzioni: Edificio adibito a museo e centro congressi
Cronologia: Progettazione (2005)
Collaboratori: Hermann Kohllöffel, Andrea Tonin, Eugenio Bastianini, Claude Balthasart, Mauro Comoli, Nicoletta Pramaggiore, Sandrine Ravet, Catherine Thiemann
Dati dimensionali: 12.000 mq
Costo dell’opera: 11.742.799,00 €
Credits fotografici: ©Camerana&Partners

pdf